Aggiornamento condizioni montagna

  1. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Con l'esaurirsi della perturbazione, le condizioni sono abbastanza cambiate rispetto alla settimana scorsa, soprattutto grazie all'abbassamento delle temperature. In generale sono caduti mediamente tra i 15 e i 20 cm di neve, localmente fino a 30 cm (es. Rifugio Gouter), spesso lavorati da venti tempestosi che hanno reso alcuni settori a rischio valanghe come, in particolare, la via dei Trois Monts al Bianco (per intendersi, la salita dal rif. des Cosmiques). Non va quindi sottovalutato anche il rischio scariche di neve nell'attesa dell'assestamento che, in giornata, dovrebbe permettere la fusione delle nevi alle quote più basse (al di sotto dei 3000 m).

    Monte Rosa: abbastanza freddo al mattino e circa 20/25 cm di neve depositata al suolo che ha contribuito a mascherare i buchi che, comunque, sono sempre presenti.

    Monte Bianco: La cresta Kuffner sembra in buone condizioni, anche se bisogna attendere che la neve trasformi completamente. I Diable sembrano già in discrete condizioni mentre il Dente Del Gigante si sta pulendo più velocemente del previsto. La nord della Tour Ronde potrebbe rimanere buona fino alle prime ondate di caldo. Per quanto riguarda le vie su roccia, il sole di ieri ha contribuito a dare una prima sistemata alle pareti di roccia, ma c'è ancora un po' di neve sulle cenge che dovrebbe esaurirsi a giorni.

    Gran Paradiso: la neve caduta ha leggermente coperto il ghiaccio alle quote più basse, senza modificare sostanzialmente le condizioni degli itinerari.

  2. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Da oggi una corrente umida, instabile e molto fresca perché alimentata da una massa d'aria polare discende sulle Alpi in questi giorni. Una breve tregua sta interessando la giornata di oggi, ma già da questa sera riprenderà l'attività temporalesca che caratterizzerà anche la giornata di sabato. Più asciutto domenica e ritorno del bel tempo stabile da lunedì.
    Nella zona del Bianco, al di là del Col Flambeau sono caduti una trentina di cm di neve fresca.
    Al moment le tracce si limitano ai Marbré, alla Tour Ronde, all'Aiguille d'Entrêves e alla traversata alla Midi.
    Al momento le pareti in zona Combe Maudite non sembrano così sporche, mentre il dente del Gigante sembra maggiormente interessato dalle nevicate.
    Restiamo ora in attesa del passaggio della coda della precipitazione che dovrebbe esaurirsi domenica.

  3. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Situazione generale: le recenti precipitazioni hanno depositato un modesto quantitativo di neve in quota, (accumulo massimo attorno ai 10 cm per alcuni settori) senza quindi mutare particolarmente le condizioni dei principali itinerari. Per oggi, dal pomeriggio, si attendono fenomeni più intesi in seguito ai quali sarà necessario verificare dettagliatamente le condizioni dei diversi settori. Al momento ci segnalano le seguenti situazioni:

    Monte Rosa: la parete ovest del Castore ha la terminale piuttosto aperta e la cresta per raggiungere la vetta è molto affilata, mentre la via normale presenta una cresta po' più affilata del solito. La salita al Naso del Lyskamm da ovest è piuttosto ghiacciata e il percorso normalmente effettuato si dirige verso la lingua di roccia a sinistra della parete. Anche la salita al Lyskamm Occidentale dal Rifugio Quintino Sella ha dei tratti in ghiaccio che obbligano a passare sul tratto roccioso alla destra della parete. In ultimo, la traversata dei Lyskamm presenta una condizione molto precaria con cornici di neve sia a destra che a sinistra.

    Gran Paradiso: caduti circa 10 cm di neve, diverse cordate ogni giorno in partenza sia dal Rifugio Chabod che dal Vittorio Emanuele; il percorso è in buona parte su ghiaccio scoperto. La parete Nord è tutta in ghiaccio.

    Monte Bianco: precipitazioni irrilevanti, diverse cordate dirette verso il dente del Gigante, alcune alla Rochefort che continua ad essere piuttosto delicata (affilata con tratti in ghiaccio), oltre che verso la Vierge e l'attraversata per l'Aiguille du Midi.

  4. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur
    Focus Monte Rosa: in base a quanto comunicato dalle Guide Alpine nonché dal gestore della Capanna Giovanni Gnifetti, si segnala che è fortemente sconsigliata l'uscita superiore sul ghiacciaio dal Rifugio Capanna Gnifetti. A causa delle pessime condizioni del Ghiacciaio di Garstelet  l'uscita posteriore del rifugio, sottostante la piccola cappella, immette su un tratto particolarmente crepacciato, che può rivelarsi pericoloso.
    Si consiglia di utilizzare l'uscita a valle e di contornarne le rocce puntando in direzione est (verso i pendii sassosi della Piramide Vincent) e di risalire quindi sul ghiacciaio, senza passare per il tratto immediatamente retrostante il Rifugio Gnifetti.
  5. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Il grande caldo estivo continua a fondere la neve e a modificare le condizioni dell'alta montagna. L'isoterma molto alta sta condizionando il rigelo notturno che è ora piuttosto breve, soprattutto alle quote più basse. E' quindi fondamentale gestire i tempi in modo da sfruttare le migliori condizioni possibili.

    Sul massiccio del Monte Rosa si segnalano molte cordate verso la Capanna Margherita e i 4000 adiacenti (Balmenhorn, Ludwigshoehe, Piraimd Vinvent…) dove le condizioni sono piuttosto buone. Bisogna comunque fare molta attenzione ai crepacci che si incontrano lungo il percorso, in particolare quelli dietro alla Capanna Gnifetti. Il Naso del Lyskamm presenta già molto ghiaccio affiorante, mentre la salita al Castore dal Quintino Sella è resa più impegnativa del solito a causa della cresta che si presenta molto affilata. In salita dal Rifugio Guide di Ayas comincia ad affiorare un po' dighiaccio, ma si passa ancora discretamente.

    In zona Monte Bianco, il caldo sta producendo effetti anche su alcune strutture rocciose dove il degrado del permafrost sta, a volte, mettendo in crisi la stabilità della roccia: è stato segnalato un crollo alla Pointe Lachenal, mentre alla cresta dei Cosmiques è stata riscontrata una maggiore instabilità di alcuni tratti del percorso. I satelliti sono invece in buone condizioni, ma bisogna sempre fare attenzione durante gli avvicinamenti scegliendo il percorso più sicuro. Condizioni perfette per tutte le vie in roccia in zona Envers des Aiguilles e Requin.

  6. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Il caldo e l'isoterma molto alta di questi giorni stanno modificando rapidamente le condizioni dell'alta montagna. Al momento il rigelo notturno è discreto, ma si raccomanda vivamente di fare attenzione all'assottigliamento dei ponti di ghiaccio. A quanto riportato dalle Guide e dai gestori di rifugio, il problema è leggermente più serio nella zona del Bianco, mentre sul Rosa le nevicate primaverili più copiose permettono una normale frequentazione degli itinerari, nonostante le condizioni siano paragonabili a quelle tipiche di metà luglio. Nel dettaglio: svariate cordate sul Castore, sull'attraversata dal Rifugio Guide di Ayas al Quintino Sella; numerose cordate verso il Colle del Lys e la Capanna Margherita (alcuni anche con gli sci); due cordate partite per la traversata dei Lyskamm hanno preferito rinunciare per la presenza di ghiaccio.

  7. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Con il caldo di questi giorni e l'isoterma molto alta è fondamentale fare molta attenzione nella progressione su ghiacciaio: i ponti sono molto fini e anche stando nella traccia il rischio di sfondamento è considerevole. Ci troviamo ora nel periodo più critico, tra qualche settimana gran parte di ciò che è instabile sarà crollato e quindi ben visibile, ma fino ad allora prestate estrema attenzione.

    Area Monte Bianco: la Cresta Kuffner è stata salita da un paio di cordate e ci è stato segnalato che la neve non è ovunque del tutto trasformata, ma con un miglior rigelo (in attesa di temperature notturne più basse) dovrebbe andare bene. Si segnala invece che le condizioni della Cresta di Rochefort sono più impegnative di quel che possa sembrare a prima vista. Area Monte Rosa: i rifugi sono ora tutti aperti ed il primo weekend ha visto una buona frequentazione dei principali itinerari che sembrano al momento in buone condizioni. Aspettiamo informazioni più dettagliate nei prossimi giorni con l'evoluzione meteorologica.

  8. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Focus Monte Bianco. La perturbazione di questi giorni ha portato solo un po' di pioggia in quota e sostanzialmente non ha modificato le condizioni che possono ritenersi pressoché invariate: buone in generale su roccia, ai Diables e sulla Cresta di Rochefort. Nei prossimi giorni, si può immaginare che, con il ritorno dello zero termico a livelli di stagione, possa finalmente andare in condizione anche la Kuffner. A tal proposito, segnaliamo che il percorso è già stato affrontato ma, al momento, la traccia è ancora vaga e le cornici continuano ad importanti e piuttosto pericolose, in particolare nella zona oltre l'Androsace.

  9. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Le temperature molto alte anche in quota favoriscono delle buone condizioni generali.
    Nella zona del Ghiacciaio del Gigante e della Combe Maudite, il ghiacciaio si presenta ancora abbastanza ben coperto, anche se bisogna considerare che la qualità della neve cambia parecchio con il riscaldamento diurno. I satelliti si presentano perfettamente asciutti ed in condizione e ottime condizioni al Dente, che è però già molto affollato. La traversata dei Diables sembra in buone condizioni mentre per la cresta Kufner è forse ancora presto dato che le cornici dopo l'Androsace sono ancora molto pronunciate.

  10. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Dopo la settimana di caldo torrido, nei giorni scorsi le condizioni riscontrate in alta montagna erano quelle tipiche dell'estate inoltrata.

    Prima dell'arrivo dell'attuale perturbazione, nella zona del MONTE BIANCO, la roccia era praticamente tutta asciutta e la maggior parte della neve era ormai scomparsa dalle strutture rocciose, salvo che sulle terrazze più grandi. Sono stati già saliti il Dente del Gigante (condizioni sono più che buone, sia per l'avvicinamento che per la scalata), i Diable (che però non sono ancora perfetti) e le condizioni sulle vie della Tour Ronde sono buone, ad eccezione della normale, che rimane molto sconsigliata. Ottima traccia sul Tacul, ma è stato segnalato ghiaccio sul canalino di uscita dal Maudit. La Goulotte Cheré è molto magra.

    In zona MONTE ROSA le condizioni sono buone per lo scialpinismo d'alta quota ma attenzione ai crepacci già un po' aperti. Le tracce sono buone per i principali percorsi (è stata effettuata anche la traversata dei Lyskamm) ma in generale le condizioni sono già simili a quelle estive, anche in termini di quantità di neve.

    Attendiamo ora l'evoluzione dopo il passaggio perturbato di questi giorni per un prossimo aggiornamento.

Facebook

Twitter