Mountain conditions update

  1. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    With the heat of these days and the very high isotherm, it is essential to pay close attention when walking on the glacier: the snow bridges are very thin and even following the track the risk of breakthrough is considerable. We are now in the most critical period; in a few weeks much of what is unstable will collapse and thus be visible, but so far be very careful.

    Monte Bianco area: the Kuffner Ridge has been climbed by a couple of ropes and it has been reported that snow is not completely transformed, but with a better refreezing (waiting for lower night temperatures) it should be fine. It should be noted, however, that the conditions of the Rochefort Ridge are more demanding than it may seem at first glance. Monte Rosa area: the huts are now all open and the first weekend saw a good frequentation of the main routes that seem to be in good condition at the moment. We look forward to more detailed information in the coming days with meteorological evolution.

  2. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Focus Mont Blanc. The perturbation of these days has only brought a bit of rain at the altitude and has basically not changed the conditions that can be considered almost unchanged: good in general on rock, on the Diables Ridge and on the Rochefort Ridge. Over the next few days, we can imagine that with the return of the thermal zero to season levels, the Kuffner Ridge can finally get in condition. In this regard, let us point out that the path has already been done but, at the moment, the track is still vague and the cornices continue to be important and rather dangerous, particularly in the area beyond the Androsace.

  3. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Very high temperatures even at high altitude favor good general conditions.
    In the area of the Glacier du Géant and the Combe Maudite, the glacier is still fairly well covered, although it is important to consider that snow quality changes a lot with daytime heating. The Satellites are perfectly dry and in condition, good condition at the Dent du Géant, which is already very crowded. The Traversé des Diables seems in good condition while for the Kufner ridge is perhaps still too early since the cornices after Androsace are still very pronounced.

  4. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Information Note issued on 11/7/2016 at 04.30 p.m.

    Avalanche danger: 
    The avalanche danger level becomes relevant above 2500-2700 m on the coldest slopes (exposed from east to north and northwest) and increases with the altitude becoming more consistent above 3000 m at all aspects. The danger is given by the new and by the wind drifted snow. 
    At high altitude the snow has been strongly worked by the wind, before from south-west then from north and northwest, so that surface slabs, which can be triggered at the passage of a person, have been built up at all aspects. 
    The danger is greater in the north-west areas of the region, where it snowed more, from Valgrisenche, passing through La Thuile, the Mont Blanc and Gran San Bernardo areas, up to Ollomont. The danger level decreases moving towards the south-east areas of the region and it is the lowest in the Champorcher area where lower altitudinal levels and the few amounts of snow are present. 

    Snow and weather: 
    A southwestern stream - winds from SW moderate to strong, has passed through our region from Friday evening until the early hours of Sunday morning; later a north-westerly flow, generally cold, have brought good weather on Sunday, with residual cloudiness on the main alpine ridge associated with some precipitation, moderate winds from W strengthening and changing from NW and foehn in the valleys. 
    The rainfall, widespread especially during Saturday, have been moderate in the western sector, generally weak elsewhere, with a snow/rain level at about 1200 m rising at 1500 m. 
    Below, the new snow amounts registered by the automatic weather station network at 2000 m are reported: 
    - up to 60 cm in the Mont Blanc areas (partly eroded by the wind); 
    - 40 cm in Valgrisenche, La Thuile, Gran San Bernardo and Ollomont areas; 
    - 10-15 cm in the Gran Paradiso valleys, Valtournenche and Monte Rosa; 
    - 5-10 cm in the Champorcher valley. 

    Also at 2000 m above the past two days temperatures dropped at 8 °C. 
    In the shady slopes above 2500 m the new snow leans on an unfavorable surface, possibly formed by faceted crystals. 
    In the sunny slopes the snow leans directly on the ground, still warm, up to 3000 m. 
    The old snow has already shown signs of instability in the last two weeks, with natural release slabs of medium size above 3000 m from the colder aspects. At the sunny aspects, the situation was quite different: the strong sunshine and mild temperatures have humidified the snow in the steep slopes until at least 3600 m of altitude; on these slopes an accidental release of a medium size slab happened in the Mont Blanc area. 
    Trend: the cold temperatures, the light snowfalls on Wednesday in the northwest area and the moderate winds confirm the avalanche danger at high altitude. 

  5. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Zona rifugio Torino: sconsigliate salita e discesa dalla normale alla Tour Ronde per importanti cadute di sassi! In generale, per il caldo di questo ultimo periodo, le pareti glaciali della Combe Maudite sono soggette anch'esse a soventi cadute di pietre. La Nord della Tour Ronde e il Gervasutti presentano problemi alla terminale e scariche già al mattino presto.
    Ai satelliti del Tacul tranne che per la Ottoz alla Piramide gli accessi sono ancora buoni. Il couloir des Aiguilette a sx del Grand Capucin è da evitare, si possono raggiungere bene gli attacchi delle vie O sole mio e Svizzeri con i 3 tiri di 4/5 di Flagran Delire che porta alle cenge senza pericoli.
    Sono state percorse le creste di Tzetoula (cresta a dx che dal Pavillon sale ai Marbree) e traversata dell'Aiguilles de la Brenva fino al Colle d'Entreves sempre dal Pavillon e sono in ottime condizioni.
    Al Pilier Androsace si passa bene e le vie sono asciutte.

  6. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Attenzione! Ci segnalano relativamente alla Tour Ronde - Cresta Est: in discesa (alla fine della cresta), vista la pessima qualità della neve, effettuate le tre brevi doppie che riconducono sul ghiacciaio. Presso l'ultima, a destra di essa, un masso delle dimensioni di due lavatrici si è mosso di circa quindici centimetri ponendosi in equilibrio precario. Il masso aggetta proprio sulla linea di discesa della doppia e può cadere da un momento all'altro, specie se sollecitato da chi sfrutta quella linea di discesa. Non si è provato a staccarlo perché veramente grande e si temeva potesse compromettere la tenuta della sosta, che è fatta di cordoni girati intorno a delle lame.

    Dalla Chamoniarde relativamente al Tacul: nuovamente percorribile, ma suscettibile di rapida evoluzione, informarsi bene prima di partire!

    Dal Rifugio Torino (aggiornamento del 6 luglio): 

    -Tour Ronde: normale e parete nord in buone condizioni, couloir gervasutti con terminale aperta.

    -Dente del Gigante: buone condizioni, fatto da tante cordate questa settimana. Poco ghiaccio alla gengiva.

    -Rochefort: condizioni non consigliabili, neve ventata e si sfonda molto per il caldo.

    -Grand Capucin: attenzione al canale di sinistra che scarica pietre, per il resto bene.

    -Tacul: un ponte ha ceduto ma si riesce ad arrivare in vetta lo stesso.

  7. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Informazioni freschissime dai nostri colleghi della Chamoniarde: oggi, lunedì 6 luglio, tutte le cordate, tra cui numerose guide, hanno fatto dietro-front alla terminale del Mont-Blanc du Tacul. E' infatti crollato il ponte di neve della terminale impedendo così del tutto il passaggio, sia a scendere che a salire. Le vie sul Triangle du Tacul sono ancora accessibili, a condizione di avere un corretto rigelo notturno (tuttora assente!), ma è necessario percorrerle in andata e ritorno, calandosi sulle vie.

    Info dal Rifugio Monzino: effettuata la Jori Bardill al Pilone centrale del Freney, i primi 2 tiri son bagnati, poi in buone condizioni, la classica al Pilone è asciutta. Si consiglia l'avvicinamento agli Eccles molto presto, prima dell 'alba perché durante la giornata c'è pericolo di caduta sassi lungo l'avvicinamento al ghiacciaio del Freney.

    In generale le temperature continuano ad essere molto alte ed il rigelo notturno è assente ! Un esempio tra tutti: alla Capanna Margherita (4560 m) da inizio luglio abbiamo avuto massime di 4-6.5°C e minime comprese tra -2.5°C e -3°C !

  8. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Dal Rifugio Torino (informazioni di giovedì 25 giugno).

    Sul ghiacciaio la neve porta molto bene e c'è traccia su tutte le principali salite, ma nei prossimi giorni è atteso un marcato rialzo delle temperature, da tenere in considerazione nella scelta di orari e itinerari.

    - Settore Combe Maudite: tutto generalmente in buone condizioni, satelliti, Tour Ronde (Gervasutti, Nord), etc. Tracciata anche la Kuffner in buone condizioni.

    - Settore Colle del gigante:  l'Aiguille Marbrée è in ottime condizioni, qualche piccola chiazza di neve ancora sul dente.

    Nuovo posticipo chiusura del Rifugio Torino: a causa di un nuovo slittamento della data dell'inizio dei lavori di ristrutturazione, il rifugio Torino rimarrà aperto fino al 23 agosto.

    Info da internet: sembrano ottime anche le condizioni delle Nord in zona Gran Paradiso (es quella del Granpa stesso e la Roccia Viva)

    Traduciamo anche le info dalla Chamoniarde (info di giovedì 25 giugno)

    Vent fort et un peu de neige en altitude ont contrecarré quelques sorties ces derniers jours mais il semble que l'activité soit repartie.

    Forte vento e un po' di neve in quota hanno boicottato alcune salite in questi giorni, ma sembra che le attività si siano riavviate ovunque.

    - Settore  Albert 1°:

    Le classiche della zona sono state percorse regolarmente e le condizioni sono abbastanza buone.

    Non c'è più neve nella traversata tra la telecabina ed il rifugio.

    - Settore Charpoua:

    C'è ancora parecchia neve in quota e alcune cordate partite per i Drus son tornate indietro. Le condizioni dovrebbero migliorare dopo alcuni giorni di caldo.

    - Settore Couvercle:

    Il Whymper è assolutamente in condizioni, così come la normale dei Droites e la traversata delle Courtes. La Contamine all'Evêque così come la cresta integrale e la via normale dell'Aiguille du Moine sono stati percorsi di recente. In generale, attenzione all'aumento delle temperature da oggi in poi.

    - Settore Leschaux:

    Le vie sopra il rifugio sono asciutte e les Petites Jorasses sono percorribili, come ad esempio la via Anouk. Una cordata ha fatto la traversata della Cresta di Rochefort ed è scesa verso il rifugio per il ghiacciaio di Mont Mallet. Una cordata sulla parete nord delle Grandes Jorasses: la parte inferiore è generalmente buona ma la parte superiore della parete è molto secca; sembra che il lato destro sia in condizioni migliori.

    - Settore Envers des Aiguilles:

    Tour Rouge, Tour Verte, 1ère Pointe des Nantillons et Dalles sous l'Envers sono stati regolarmente percorsi, l'accesso alle Dalles sous l'Envers si fa calandosi dall'alto. Anche la Troussier è stata fatta di recente. La neve di martedì scorso non si è ancora completamente sciolta e i settori più in quota sono ancora bagnati.

    - Settore Requin:

    L'accesso al rifugio dal basso è in buone condizioni. La risalita della vallée blanche verso i Cosmiques è regolare, ma bisognerà stare attenti l'aumento delle temperature, specialmente nei paraggi del Gros Rognon. Alcuni cordate sulla Midi-Plan, in buone condizioni. Una cordata sulla normale dell'aiguille Pierre-Alain.

    - Settore Cosmiques:

    Ancora un po 'di neve su alcune terrazze esposte a sud, ma in rapido miglioramento. Condizioni generalmente buone del settore per quanto riguarda le vie di misto. Il Tacul è tracciato e ieri mattina alcune cordate hanno continuato in direzione Maudit e Monte Bianco, ma non abbiamo ancora informazioni di ritorno.

    La cresta dell'Aiguilles du Diable è in buone condizioni.

    - Settore Grands Mulets:

    Il Monte Bianco è ancora percorribile per questo itinerario, ma conviene aggiornarsi con le ultime informazioni dai gestori del rifugio

    - Secteur Plan Glacier:

    Cresta Mettrier percorsa mercoledì dalla base della cresta, la variante per il canale di neve sembra comunque possibile ancora per qualche giorno. Arête de Tricot anche fatta, neve a partire da 3200 m. La salita al Durier è in parte innevata, ramponi e piccozza indispensabili.

    - Settore Conscrits:

    Traversata dei Dômes et l'Aiguille de la Bérangère è in buone condizioni, anche il Tondu è stato fatto di recente. A guardare, la Lex Blanche e la parete nord di Tré la Tête sembrano in neve e forse fattibili.

    L'accesso al rifugio è ancora possibile dal ghiacciaio ma il percorso estivo attraverso la passerella è ad oggi pulito e rimane preferibile.

  9. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Traduciamo per voi l'aggiornamento delle condizioni in montagna da La Chamoniarde:
    L'episodio perturbato della notte ha depositato un po' di neve bagnata a 3500/3800 m, ma in quota soffiano ancora venti forti da NW. Negli ultimi due giorni sono riprese le attività in montagna sia per quanto riguarda le salite su roccia sia per quelle su ghiaccio: il rigelo notturno è stato buono, ma attenzione, il manto nevoso sotto la crosta da rigelo è molto bagnato. Abbiamo alcuni resoconti di salite: Sperone Frendo con uscita a sinistra del Rognon, Cresta Midi-Plan con discesa al Rifugio Requin, Cresta Forbes, Sperone Migot, Couloir de la Table, normale ai Droites, traversata delle Courtes, Couloir Whymper, Dômes de Miage. I sentieri di media montagna sono ben puliti fino a 2300 m a sud, mentre a nord troviamo ancora passaggi su neve. Il percorso del Tour del Monte Bianco è ben praticabile, i nevai ancora presenti sono ben tracciati. La variante del Col des Fours è innevata soltanto al colle, la finestra dell'Arpette vi è ancora un nevaio ai piedi del colle lato Arpette.

    Sempre per quanto riguarda il TMB ricordiamo che stati ripristinati la passerella sul torrente Arminaz, nella balconata tra i rifugi Bertone e Bonatti e il ponte sul sentiero tra Arnouvaz e il rifugio Elena.

    Mentre dal Rifugio Monzino: Auguille Croux: via normale ancora bagnata con nevaio intermedio molto grande. Via Cheney buona. Vie sul versante sud est (Ottoz etc) tutte percorribili. Considerando la presenza di neve dura nella discesa dalla normale si consiglia uso di scarponcini ramponi e picca.
    Ghiacciaio del Freney: attraversabile dal Colle Innominata per Ratti Vitali e cenge Schneider.

    Inoltre segnaliamo che è di nuovo funzionante la web cam della Capanna Gnifetti ! 
    http://www.rifugimonterosa.it/it/web/webcam-area-33

  10. Fondazione Montagna Sicura - Courmayeur

    Correnti umide e debolmente perturbate hanno apportato, dal pomeriggio di ieri, 5-10 cm di neve fresca alla quota media di 2500 m su tutto il territorio regionale. Oltre i 3000 m si stimano circa 20 cm, stima resa difficile dai forti venti in quota da N che stanno rimaneggiando la neve fresca formando accumuli a tutte le esposizioni. 

    Le temperature sono scese drasticamente da ieri pomeriggio (stamattina, valori medi alle ore 8.00: -2°C a 2000 m, -6°C a 2500 m, -10°C a 3000 m). Il nuovo netto calo delle temperature (di circa 10-15°C rispetto a due giorni fa) ha abbassato il limite della nevicata che ha imbiancato il fondovalle delle testate vallive, con una spolverata fino a 1600-1800 m. Da domani le temperature saranno in ripresa, ma le condizioni atmosferiche resteranno variabili. 

    Oltre i 3000 m, anche se in rapida umidificazione e sempre più confinati alle esposizioni settentrionali, saranno presenti neve fresca asciutta su un abbondante strato di neve compatta e qualche accumulo da vento. Da cui si potranno avere scaricamenti di neve a debole coesione dai pendii più ripidi e dalla base delle rocce, oltre alla possibilità di staccare con debole sovraccarico piccoli lastroni superficiali dai pendii molto ripidi (>40°). 

Featured

News

Facebook

Twitter