Monitoraggio Ghiacciaio Planpincieux

Azione nell'ambito dell'attività di gestione, implementazione e sviluppo di azioni di monitoraggio per l’individuazione e la gestione di situazioni di rischio glaciale sul territorio valdostano

Le attività di monitoraggio del Ghiacciaio di Planpincieux (Comune di Courmayeur - come per quelle del Ghiacciaio di Chérillon, Comune di Valtournenche), sono svolte al fine di osservarne con continuità l'evoluzione ed individuare eventuali indizi predisponenti instabilità.

Queste attività si inseriscono nel Piano di monitoraggio del rischio glaciale e periglaciale sul territorio valdostano, le cui azioni, gestite dalla Fondazione fin dal 2012, sotto il coordinamento della Struttura Assetto idrogeologico dei bacini montani della Regione, comportano:

  • l'analisi di dati telerilevati (ortofoto, immagini satellitari, dati SAR, in disponibilità dell'Amministrazione regionale o provenienti da altre fonti);
  • la raccolta di segnalazioni di eventi provenienti dalla Regione, dai Comuni, dai professionisti della montagna, così come di studi scientifici e di documentazione inerente ai rischi di origine glaciale e periglaciale;
  • l'esecuzione di rilievi mirati ed indagini su apparati glaciali e aree circostanti (aree deglacializzate e settori soggetti a permafrost), per l'individuazione di elementi potenzialmente fonte di pericolo/rischio, quali ad esempio laghi glaciali di neoformazione, rock glaciers, morene, riconosciuti come potenziali settori origine di dissesti;
  • la ripresa annuale da elicottero - aeromobile di tutti i ghiacciai del territorio valdostano per l'individuazione di elementi potenzialmente fonte di pericolo/rischio;
  • l'analisi dell'estensione e delle caratteristiche delle aree periglaciali, di recente deglaciazione o soggette a permafrost, ai fini di valutazioni sulla loro propensione a produrre dissesti (esempio, colate detritiche);
  • l'aggiornamento annuale del database delle situazioni di pericolosità riconosciute (in atto o potenziali) sulla base delle informazioni e dei dati raccolti di cui al punto precedente, di analisi fotografiche e di analisi di carattere geomorfologico e glaciologico;
  • lo sviluppo ed il test di tecniche e metodi e strumenti di alta tecnologia di rilievo e monitoraggio applicabili alla prevenzione dei rischi di origine glaciale e periglaciale;
  • la progettazione di azioni e di sistemi di monitoraggio e la loro successiva gestione per conto della Regione.

Nel caso di insorgenze di condizioni di particolare criticità, come nel caso del ghiacciaio di Planpinceux, Fondazione segnala la situazione e propone interventi puntuali al Dipartimento Programmazione, risorse idriche e territorio della Regione in relazione al fenomeno; tali interventi, che non possono essere individuati a priori, sono poi oggetto di definizione congiunta con il medesimo Dipartimento e perfezionati attraverso appositi Provvedimenti del Dipartimento stesso.

In questo contesto, sulla base dei dati del Geohazard Monitoring Group del CNR-IRPI di Torino, viene quotidianamente redatto un bollettino relativo all'evoluzione del Ghiacciaio di Planpincieux, predisposto dai tecnici di Fondazione in coordinamento con il CNR.

Facebook

Twitter